Eremo di San Alberto da Brutio - Val di Nizza - Marmary | Itinerari in moto | Foto gallery

ARABA FENICE
MARMARY
Nella vita si è ciò che si vuole essere
Vai ai contenuti
Val Nizza - Eremo di S. Alberto di Brutio per un totale di 440 km.

Itinerario che prende spunto da Alessandro e Mariateresa visitatori del nostro sito, visita all' Eremo di S. Alberto da Brutio e il castello di Oramala.
Partiamo da Verdello, puntiamo per Lodi transitando da: Treviglio, Agnadello, Pandino, arrivati a Lodi prendiamo la tangenziale est che porta a Piacenza, SS9, transitiamo per: Olmo, Muzza Piacentina, Secugnago, Casalpusterlengo, a Casalpusterlengo seguiamo le info per Pavia, SS234 poco dopo Corteolona prendiamo a sx, SP199, per Sostegno, Spessa, attraversiamo il Pò e nei pressi di Broni prendiamo a sx per: Valle Scuropasso, Scorzoletta, Molino Sacrista, Rocca de Giorgi, Ca del Matto, Torre degli Alberi, Calghera, Molino Calgaro Inferiore, Val di Nizza, Moglie, Pizzocorno, Panzini, quì seguiamo le info per l'eremo di S. Alberto di Brutio prima tappa del nostro itinerario, visitiamo l'eremo e ripartiamo seguendo sempre la principale dopo alcuni km ci troviamo di fronte il castello di Olamala, avendo la fortuna, è aperto solo su prenotazione, di trovarlo aperto entriamo a visitarlo scattando le foto che trovate in gallery-foto. Arrivati a Varzi prendiamo a dx, SS461, per Bagnaria, arrivati nei pressi di Bagnaria prendiamo a sx, Moglia, Casotto, quì prendiamo a sx per Colombassi, SP100, che terremo fino a Bastardini, a Bastardini seguiamo le info per il passo Del Giovà transitando da Pian del Poggio, proseguiamo passando per: Casale Staffora, Barostro, come obbiettivo abbiamo il passo del Brallo, transitati dal passo proseguiamo transitando per: Pregola, Caminata, Zanacchi, quì prendiamo a sx, SS461, per il passo Penice, strada che terremo fino alle indicazioni, a dx, per Cadelmonte, Caprile, Nibbiano. A Nibbiano prendiamo a dx, SP412 della val Tidone, teniamo sempre la principale fino a poco dopo Spada, prendiamo a dx transitando per: Casaleggio, Castano, Agazzano, Pretta, Caratta, Podenzano, Colombarola, a Colombarola prendiamo a dx, SP6, per San Giorgio Piacentino, Carpaneto Piacentino, Castell' Arquato, seguiamo le indicazioni per Fiorenzuola d'Arda e successivamente per Cremona, Crema, Bergamo ed infine Verdello che segna la fine del nostro odierno viaggio.

Curiosità:
Dall’abitato di Varzi, guardando verso nord, si scorge la silhouette del poderoso castello d’Oramala che, contornato dai boschi di rovere e castagno, fa bella mostra di sé. Questo maniero è stato senz’altro la prima dimora di quella potente famiglia longobarda che in seguito verrà chiamata Malaspina, la quale, affacciatasi in Val di Stàffora, scelse il luogo d’Oramala per insediarvi la sede di quel che diverrà uno dei più potenti marchesati d’Italia settentrionale. L’epoca in cui questo avvenne fu il X secolo, ma la prima notizia scritta risale all’inizio di quello successivo, quando nel 1029 Alberto, figlio di Oberto Obizzo, presta giuramento alle consuetudini di Genova e porta con sé alcuni dei suoi vassalli, fra cui “Rustico d’Oramala”.
In seguito il castello pervenne alla famiglia d’Este, loro congiunti. A questi ultimi fu tolto dal Pontefice Adriano IV nel 1157 e dato in feudo al vescovo di Tortona. Nel 1164, come premio per i servigi svolti, l’imperatore Federico I (Barbarossa) concede ad Obizzo Malaspina il possesso di quasi tutte le terre precedentemente avute che partono dalla Pianura Padana ed arrivano all’alta Toscana, comprendendo il castello e la rocca d’Oramala.
Tre anni più tardi, nel 1167, Obizzo ha modo di ripagare il suo signore per avergli concesso le terre sopraccitate. Questi, lasciata Roma preda di un’epidemia che gli aveva decimato l’esercito, giunse a Pontremoli con l’intenzione di arrivare a Pavia attraverso l’appennino, ma si vide sbarrare la strada dalle truppe della Lega Lombarda. L’imperatore deviò, perciò, verso Villafranca sul Magra; da lì, sotto l’esperta guida del marchese Obizzo, arrivò a Pavia attraverso l’itinerario dei paesi liguri - sentieri tracciati dai mulattieri -, discendendo poi la Valle Stàffora e sostando a pernottare nel castello d’Oramala, che era il più difeso della zona.
Fu grazie ad Obizzo se, il primo settembre, Federico poté giungere a Pavia e da lì riorganizzare la sua compagine per proseguire oltralpe. Questo periodo fu per i Malaspina ed il castello d’Oramala il momento del loro maggior splendore, anche culturale, perché riposero in parte le armi e le scorribande militari, per far fiorire il culto della gentilezza e della poesia. Fu così che intorno alle donne del potente casato si unirono, in quella solitaria e protetta dimora, i trovatori provenzali che per primi in Italia cantarono le loro poesie, ingentilendo quel fosco ambiente d’armi e d’armati. Fino al XIII secolo tale luogo rimase il centro direzionale della Valle Stàffora e delle valli limitrofe. Solo successivamente, in seguito a divisioni feudali, i Malaspina scesero nei paesi di fondovalle lasciando ad Oramala una funzione secondaria. Dal XIV secolo il castello d’Oramala fu interessato a fatti d’arme e congiure che videro, di volta in volta, i suoi feudatari schierati a favore o contro i duchi di Milano: dapprima i Visconti, indi gli Sforza. Un Manfredi, figlio di Nicolò Malaspina, godette i favori di Ludovico il Moro e nel 1474 ottenne il permesso di fortificare il castello. Infatti, prima di tale data, non aveva certamente l’aspetto maestoso che ha in questo momento perché la torre, e parte della rimanente struttura, è stata costruita con il criterio più moderno (per quei tempi) atto a resistere ai colpi di un’artiglieria che incominciava a mettere in difficoltà i castellani. suoi muri, di uno spessore di metri 2,4 e la forma semicircolare rivolta verso la vicina collina dove potevano essere piazzate le artiglierie, sono dati inequivocabili che tanto la torre quanto la parte del castello furono costruiti e potenziati con criteri che l’arte militare di fine Medioevo suggeriva.
La poderosa rocca rimase alla famiglia Malaspina fino alla fine del XVIII secolo, dopo di che fu abbandonata; di conseguenza incominciò il progressivo sgretolarsi di tutta la struttura.
Nel 1985, i fratelli Panigazzi, attuali proprietari, iniziarono la ricostruzione delle parti crollate, che è tuttora in corso, allo scopo di conservare un’opera che per novecento anni ha conosciuto ed in parte ha fatto la storia delle nostre valli.


Strumentazione:
Per tracciare il percorso abbiamo usato il software Tyre con l'abbinamento di Google Maps, software free molto potente, e il software Autoroute© 2010, la carta stradale della Lombardia e della Emilia Romagna, durante il tragitto ci siamo serviti del navigatore satellitare Tom-Tom Rider.
Utility:
File itinerario:  Gallery Foto: Mappa Itinerario:
Grafica e immagini by MARMARY.com, è vietato il loro utilizzo se non con consenso scritto.
Grafica e immagini by MARMARY.com
Torna ai contenuti